Progetto “Comunicare salute”

Standard
16722779_1232384176840166_4813496680063715076_o

“COMUNICARE SALUTE”

Decodificare la comunicazione e promuovere sani stili di vita.

In data 10 Febbraio 2017, con la collaborazione del docente di Economia Aziendale  il Prof. Paolillo E., la classe 4^A dell’ITE si è recata  presso gli uffici amministrativi dell’IperCoop di Barletta, per partecipare ad un progetto di alternanza scuola- lavoro dal titolo “Comunicare salute”.
Al punto di ascolto siamo stati accolti da una Nutrizionista specialista nella scienza dell’alimentazione, con la quale abbiamo discusso del rapporto tra alimentazione, nutrizione e stato di benessere psicofisico della persona.
Al termine della discussione, la classe è stata divisa in due gruppi da 8 persone, che rappresentavano rispettivamente il Gruppo Azienda di prodotti salutari e il Gruppo Marketing.
Il primo gruppo , denominato gruppo A, aveva il compito di creare uno snack , non piazzato sul mercato, rendendolo il più salutare possibile, ricco di proteine e vitamine limitando l’uso dei conservanti.
Il secondo gruppo, invece, ha realizzato un’analisi di mercato, in particolare ha esaminato con attenzione le leve del marketing:

  • PRICE (Prezzo) : si considera non solo il prodotto in sé con tutte le sue caratteristiche, ma anche i servizi accessori offerti al cliente;
  • PRODUCT (Prodotto):include anche le politiche degli sconti e dei premi, i termini e le condizioni di pagamento, la concessione del credito, ecc. ;
  • PLACE (Luogo): struttura dei canali distribuitivi;
  • PROMOCTION (Promozione): pubblicità, promozione vendite, ecc.

Nella seconda parte dell’incontro, i due gruppi si sono recati nel centro commerciale con il compito di studiare la collocazione del prodotto, il tipo di confezionamento, il prezzo. Inoltre si è cercato attraverso le interviste dei clienti di individuare la fascia di consumatori del prodotto suindicato.
Dopo questa analisi, il Gruppo B si è dedicata all’ideazione di una campagna di marketing volta a promuovere il consumo di snack salutari.
Il gruppo A soddisfatto dei risultati ed entusiasta del progetto realizzato ha deciso di lanciare il prodotto sul mercato.
La giornata è stata davvero proficua, l’esperienza entusiasmante.
Oggi gli alunni della 4^ A sono stati i veri protagonisti dell’apprendimento flessibile, sperimentando personalmente la combinazione della preparazione scolastica con l’esperienza assistita in una situazione lavorativa.

Maddalena Delvecchio (4^ A)
Chiara Povia (4^ A)

OPEN DAY 29.01.2017

Standard
opendays

Si informano tutti i genitori che la nostra scuola rimarrà aperta per l’“Open day” domenica 29 gennaio 2017 dalle 10:00 alle 12:00.
I genitori potranno così conoscere gli insegnanti, condividere le linee essenziali del nostro Piano dell’Offerta Formativa e le diverse attività laboratoriali che svolgono i nostri alunni, prendere visione dei servizi e delle attrezzature informatiche e sportive di cui la Scuola dispone. Vi aspettiamo.

ENAC – Inizio corso

Standard
header-enac
Modulo Fondamenti dell’ICT
Definizione di informatica; definizione di computer; le tre funzioni del computer: input, elaborazione e output; hardware e software; l’architettura di Von Neumann. La RAM. La memoria di massa; alcuni esempi di memorie di massa; le unità di misura della capacità delle memorie(bit, Byte e suoi multipli). Le periferiche di input e le periferiche di output. Il software applicativo ed il software di sistema.Modulo Fondamenti di Microsoft Windows
Accensione e spegnimento del computer. La creazione di una password per un account. Autenticazione con nome utente e password. Il desktop, le icone ed i collegamenti. La barra delle applicazioni e suo posizionamento. Creazione di collegamenti a file e collegamenti diretti sul desktop. La personalizzazione del desktop: visualizzazioni e sfondo. L’eliminazione ed il ripristino di collegamenti a file. Blocco Note: creazione/salvataggio/apertura di un documento di testo. La finestra di Windows: struttura, ridimensionamento e posizionamento (per trascinamento, in pila ed affiancate). Collegamento/disconnessione di una chiavetta USB.

ENAC PUGLIA – Formazione professionale

Standard
header-enac

PERCORSO FORMATIVO
NIC – Nucleo Informatico Concettuale – Informatica di Base

Durata ore 90 – dal 05/12/2016 al 01/02/2017 – dal Lunedì al Venerdì.
Sede del corso: ISTITUTO SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI – Via Cavour, 81 – Barletta
tel: 0881/723085 – email: info@enacpuglia.org
http://enacpuglia.org
__________________

STATO DI AVANZAMENTO DEL PERCORSO

Modulo Fondamenti dell’ICT
Definizione di informatica; definizione di computer; le tre funzioni del computer: input, elaborazione e output; hardware e software; l’architettura di Von Neumann. La RAM. La memoria di massa; alcuni esempi di memorie di massa; le unità di misura della capacità delle memorie(bit, Byte e suoi multipli). Le periferiche di input e le periferiche di output. Il software applicativo ed il software di sistema.

Modulo Fondamenti di Microsoft Windows
Accensione e spegnimento del computer. La creazione di una password per un account. Autenticazione con nome utente e password. Il desktop, le icone ed i collegamenti. La barra delle applicazioni e suo posizionamento. Creazione di collegamenti a file e collegamenti diretti sul desktop. La personalizzazione del desktop: visualizzazioni e sfondo. L’eliminazione ed il ripristino di collegamenti a file. Blocco Note: creazione/salvataggio/apertura di un documento di testo. La finestra di Windows: struttura, ridimensionamento e posizionamento (per trascinamento, in pila ed affiancate). Connessione/disconnessione di una chiavetta USB.

Opera misericordiosa presso la Caritas… un’esperienza da rifare!!

Standard
image-12-03-16-10-25-2

Opera misericordiosa presso la Caritas… un’esperienza da rifare!!

La scorsa settimana, dopo circa un mese, è terminata con successo l’opera misericordiosa svolta dai ragazzi del nostro Istituto scolastico presso la Caritas di via Barberini a Barletta.
Abbiamo raccolto le loro riflessioni personali in merito all’esperienza di volontariato.

Michele Bissanti (1^ A):
“La mia scuola ha coinvolto noi studenti in una bellissima iniziativa: ci siamo trasformati in volontari della Caritas. Nonostante la titubanza iniziale, sono stato subito felice di aver aderito all’iniziativa. Questa esperienza mi ha fatto molto pensare e capire che AIUTARE gli altri è molto gratificante e che ognuno di noi nel suo piccolo dovrebbe adoperarsi per il PROSSIMO.
Spero che questa esperienza si possa ripetere, magari facendo più turni in modo da coinvolgere sempre più ragazzi!”

Antonella Esperti (2^ L):
“La scuola ha organizzato un’opera misericordiosa presso la Caritas. È stata un’esperienza molto costruttiva e intensa. A questo progetto partecipavano i ragazzi del biennio e i ragazzi del terzo anno (liceo linguistico e istituto tecnico). Per andare alla Caritas siamo stati divisi in gruppi e dovevamo recarci lì alle 5:45 e per poco più di un’ora dovevamo aiutare i volontari a servire il cibo alle persone più bisognose. Appena arrivavamo dovevamo metterci un cappellino e un paio di guanti. A seguito, quando i commensali terminavano di consumare la cena, dovevamo dare un contributo a pulire i tavoli e la sala.
Erano tutti molto gentili e calorosi, sia con noi, sia con i più bisognosi per non metterli a disagio.
Questa esperienza è stata molto costruttiva e ci ha fatto capire l’utilità e il funzionamento di queste associazioni e come possiamo renderci utili.”

Valeria Corlianò (3^ A):
“Anche questa volta la nostra scuola ha offerto a tutti i ragazzi una novità. Un piccolo sacrificio che andrebbe definito non come un atto di volontà ma come un atto di cuore. Uscire dalla nostra realtà quotidiana per entrare in un’altra realtà non molto lontana, la Caritas. Un luogo di cui tutti forse ne ridono e ne scherzano ma, avendolo vissuto, posso dire che è stata un’esperienza emozionante, un’esperienza che non tocca le corde della pietà ma quelle della tenerezza.
Servire un piatto di cibo, come se fosse la cosa più scontata del mondo e, dall’altra parte, invece, osservare la voglia di gustarlo. Ricevere ringraziamenti per la nostra disponibilità, per un tarallo caramellato o per un pezzo di pane ricevuto.
Questa esperienza ha saputo cambiare anche dei ragazzi. Ha saputo colpire, insegnare. Un’esperienza d’amore. Un’esperienza che rimarrà con noi.”

Pasquale Angelo e Antonio Leonardo (4^A):
“Grazie all’esperienza di volontariato vissuta presso la Caritas abbiamo capito i danni che ha provocato la crisi economica e ci siamo emozionati nel vedere queste persone e la situazione nella quale affrontano la vita ogni giorno. Abbiamo capito, inoltre, che siamo fortunati ad avere quello che abbiamo e che dobbiamo sempre apprezzarlo.”

Integration a Madrid

Standard
Integration Madrid 2016
L’integration è un viaggio. Un viaggio è un aereo e un nodo in gola causato dalla paura per il volo e dall’ebbrezza di scoprire cose c’è dall’altra parte. Un viaggio è una strada, una stanza che non ci appartiene, un’immagine, un pensiero, una famiglia che diventa la tua famiglia. Un viaggio è fatto di ore: sono le ore passate a ridere, a chiacchierare, a fare progetti, ad assaporare un posto nuovo. Un viaggio è una partenza alla scoperta di qualcosa di nuovo, di una cultura diversa, di suoni e odori mai sentiti prima. Viaggiare è partire e tornare diversi. I viaggi sono i viaggiatori. Grazie ragazzi! Madrid 2016…

prof.ssa Floriana Larovere

La “misericordina” a scuola…parte prima!

Standard
image-12-03-16-10-25-2
In occasione del primo Giubileo straordinario di questo millennio, inaugurato dal Santo Padre, Papa Francesco, la Dirigente, Suor Rosanna, con la collaborazione della Prof.ssa Milia, ha invitato gli alunni, i professori e tutta la comunità scolastica delle “Suore Salesiane dei Sacri Cuori” di Barletta a partecipare all’iniziativa “un pasto caldo”. L’opera misericordiosa si svolgerà per tutto il periodo quaresimale e consisterà nella distribuzione di cibo ai più bisognosi presso la mensa Caritas di via Barberini a Barletta. Gli studenti del triennio e i docenti si alterneranno nei turni della mensa ogni settimana fino alla prima settimana di aprile.

Prof.ssa Fabiana Milia

“Vivere Social: agire in modo socialmente responsabile”

Standard
IMG-20160224-WA0029

La comprensione e l’approfondimento del tema relativo all’uso corretto dei social network e della rete in generale sono stati oggetto degli incontri-studio del  19 e 20 febbraio tenuti dall’avv. Fabio Mastrorosa, noto avvocato barlettano, romano di adozione. Gli incontri, fortemente voluti dalla Dirigente Suor Rosanna Pirrone, si inseriscono nell’ambito del progetto di istituto “Vivere social” e si sono svolti grazie alla collaborazione delle docenti di diritto, Prof.ssa I. Fascilla, Prof.ssa F. Milia e Prof.ssa R. Stella.
Nelle due giornate di studio, intitolate “Cyberbullismo: la diffusione incontrollata del materiale messo in rete”e “Selfie: l’immagine imprigionata e violata degli adolescenti” ,moderate dalle docenti di italiano Prof.ssa A. Di Stasi e Prof.ssa M.T. Chiariello,  l’avv. Fabio Mastrorosa ha affrontato i temi oggetto di riflessione anche attraverso la lettura di alcuni stralci di sentenze. Ne è seguito un vivace ed interessante dibattito tra i discenti. Protagonisti degli incontri sono stati anche gli alunni audiolesi che, grazie alla consueta attenzione loro rivolta, si sono espressi liberamente attraverso il supporto dell’assistente alla comunicazione. Una esperienza unica, fondamentale, per consentire a tutti i nostri ragazzi di vivere con consapevolezza l’uso della rete e di cogliere l’importanza ed il peso giuridico di alcune attività spesso compiute superficialmente.
Un saluto e un ringraziamento speciale va all’avv. Fabio Mastrorosa per il preziosissimo contributo apportato a nome di tutta la comunità scolastica, docenti e alunni, e della Dirigente Suor Rosanna Pirrone.

prof.ssa Ilaria Fascilla

Teatro spagnolo

Standard
12510313_929339663811287_4414341092444357933_n

Mercoledì 13 gennaio 2016 i nostri ragazzi delle classi III, IV e V L, accompagnati dai docenti di lingue, hanno assistito ad una rappresentazione teatrale in lingua spagnola presso il teatro del Fuoco di Foggia e sviluppata secondo il metodo DOC (Descubro, me Oriento y Comprendo).
“Tenor DeeJay, el Don Juan que no te esperas”, questo il titolo dello spettacolo, si ispira al grande classico di José Zorrilla «Don Juan Tenorio» ma è un’opera totalmente originale. È ambientato nella Spagna di oggi ed esplora il mondo dei giovani da angolazioni inaspettate. Figura cardine è un giovanissimo Don Juan contemporaneo, deejay di fama mondiale. È attratto dal mito del successo e disposto a tutto per ottenerlo, inseguendo voracemente vittorie sempre più ambiziose e immediate che lo lasciano però inappagato.
Cinico e disilluso, vive alla giornata senza confrontarsi con nessuno ma sarà proprio l’incontro inaspettato con le sue radici a condurlo verso la reale conoscenza di sé stesso.
L’esperienza del “Tenor DeeJay” è stata totalizzante: gli studenti hanno ben accolto la proposta del nostro
dipartimento linguistico, partecipando con entusiasmo e in maniera attiva alla rappresentazione. Alcuni ragazzi hanno addirittura aperto lo spettacolo con una coreografia appresa ed eseguita sul palco insieme agli attori madrelingua spagnoli… perché lo studio della lingua può anche essere divertente!

Prof.ssa Floriana Larovere